Loading

Nel 2016 Simone Santellani conquista la fascia di sindaco di Tregnago

Dopo la vittoria di Renato Ridolfi della lista civica Gialloblu, appoggiata da Pdl e Lega Nord, in occasione delle Comunali del 2011, le Amministrative del 2016 hanno visto a Tregnago il candidato Simone Santellani di “Tregnago Partecipa” sopravvanzare il suo diretto avversario con il 56,4 per cento delle preferenze.

L’ex assessore Simone Santellani ha conquistato così la fascia di sindaco. Classe 1973, ha ideato la lista civica “Tregnago Partecipa” nel 2011 ottenendo il 32 per cento di preferenze contro Renato Ridolfi (diventato poi primo cittadino con il 49 per cento dei voti) e Mario Zampedri (18 per cento) di “Valori e Speranza per Tregnago”. La sua carriera politica era iniziata nel 2001 come capogruppo di maggioranza, proseguendo poi con le cariche di assessore e consigliere di minoranza.

Più nel dettaglio, alle Comunali del 2016 di Tregnago Simone Santellani, sostenuto da Lega Nord e da altre liste civiche, ha ottenuto il 56,4 per cento, raccogliendo complessivamente 1.674 voti. Il suo avversario, in questa tornata elettorale, è stato Christian Colombari, della lista civica Gialloblu, il quale ha totalizzato il 43,60 per cento delle preferenze, ovvero 1.294 voti in numeri assoluti.

Per quanto riguarda l’affluenza, i cittadini che si sono recati alle urne per esprimere le loro preferenze sono stati il 77,10 per cento degli aventi diritto, cioè precisamente 3.053 persone.

I voti validi sono stati 2.968; le schede nulle 70; quelle bianche 15. La partecipazione è risultata inferiore alle precedenti Comunali, quando l’affluenza si era attestata all’82,30 per cento, e in linea con le Amministrative del 2006 (79,37 per cento).

Simone Santellani, con un programma centrato soprattutto sulla volontà di realizzare opere pubbliche sportive, sulla crescita delle proposte culturali e sui servizi, ha così conquistato la poltrona di sindaco, raggiungendo così la fascia tricolore che, nella tornata elettorale precedente, era invece andata a Renato Ridolfi.

Autore