Loading

Scuola e sicurezza al centro del programma di Croce

Sabato 18 marzo, davanti alla sede dell’Agec in piazza Noris, Michele Croce, candidato sindaco a Verona della lista civica Verona Pulita, ha esposto la parte del proprio programma relativo in particolare a solidarietà e scuole.

Michele Croce ha 41 anni, ed è fondatore e titolare di uno studio legale e tributario che gli ha permesso di conoscere le realtà economiche, professionali e sociali della città. Nel 2012 ha partecipato alle sue prime elezioni comunali candidandosi nella lista civica di Tosi. Voti e professionalità lo hanno così portato, per un breve periodo, alla presidenza dell’Agec, l’ente sociale che a Verona si occupa di case popolari, farmacie comunali, refezione scolastica, cimiteri e onoranze funebri, e di appalti urbanistici misti pubblico/privato.

L’obiettivo è quello di rafforzare “la rete comunale degli asili nido e delle scuole dell’infanzia con nuove aperture di sezioni, riducendo il numero massimo di bambini per sezione”. Si vuole anche puntare all’integrazione tra il settore pubblico e privato per la scuola dell’infanzia, “tramite l’introduzione delle convenzioni con alcuni nidi privati meritevoli e con le scuole paritarie per l’attivazione di posti aggiuntivi, laddove necessari, al medesimo costo delle tariffe comunali”.

Questi punti vanno ad aggiungersi agli altri elementi del programma, tra cui l’idea di istituire una commissione comunale antimafia e anti corruzione. Inoltre il traguardo è dare vita a una città con una maggiore sicurezza nei quartieri e nei luoghi pubblici, con più verde, meno cemento e più infrastrutture sostenibili, in cui spostarsi con bici e con mezzi pubblici o condivisi diventi normale, perché veloce e conveniente.

L’avvocato Croce immagina una Verona a misura d’uomo, più solidale, più formativa e più sportiva, e che sia un polo non solo di formazione ma anche di innovazione, terreno ideale per creare sviluppo e lavoro per tutti. Ed è con questi propositi che si candida alla posizione di sindaco, con il suo movimento civico “Verona Pulita”.

Autore