Loading

Villa Bartolomea

STORICO ELEZIONI

 

ULTIME NOTIZIE

Giacomo Soardo si candida per Villa Bartolomea

È ufficiale: Giacomo Soardo, il trentaduenne ex assessore alla Cultura della giunta targata Luca Bersan, si sta preparando a scendere in campo come aspirante sindaco a Villa Bartolomea in...
By Massimiliano Maestrello | 13 marzo 2017 | Attualità, News, Villa Bartolomea

L’impegno di “Prospettiva futuro” per le comunali di Villa Bartolomea

In vista delle prossime elezioni amministrative del 2017, a Villa Bartolomea c’è chi ha deciso di giocare in anticipo. Affidandosi ad idee concrete ed ascoltando le esigenze dei cittadini,...
By Massimiliano Maestrello | 9 febbraio 2017 | Attualità, News, Villa Bartolomea

Villa Bartolomea: affluenza in calo alle Europee e alla Regionali

Dal 2014 il piccolo comune di Villa Bartolomea ha registrato un brusco calo dell’affluenza alle Europee e alle Regionali. Si mantengono su un buono standard le percentuali di quanti...
By Redazione | 20 gennaio 2017 | News, Villa Bartolomea

CARTA D'IDENTITÀ

I NUMERI
Abitanti: 5.847
Altitudine: 14 m s.l.m. 
Superficie: 53,23 km2
Densità: 109,84 ab/km2
CAP: 37049
Frazioni: Carpi, San Zeno, Spinimbecco
LO STEMMA

Lo stemma del comune rappresenta una donna che tiene nelle mani una catena spezzata e una cornucopia. Il motto sulla fascia recita In libertate labor.

ETIMOLOGIA DEL NOME

Paese (villa) eretto in nome di San Bartolomeo, anche patrono del Comune.

NUMERI UTILI:

COMUNE
Sede - corso Fraccaroli 70 - 0442 659911

FORZE DELL'ORDINE
Carabinieri - via Cusinati 12, Castagnaro - 0442 675596
Polizia locale - corso Fraccaroli 70 - 0442 659223

GUARDIA MEDICA
c/o Distretto sanitario - Via Gianella 1, Legnago - 0442 632394

PARROCCHIE
San Bartolomeo - via Fraccaroli 16 - 0442 91014
Santa Maria Assunta - piazza Tre Martiri 46 - 0442 91031
Santa Margherita V. M. - via Borgo Chiesa 49 - 0442 679029

SCUOLE
I.C. “C. Ederle” - corso Fraccaroli 58 - 0442 659903

BIBLIOTECA
“Fraccaroli” - corso Fraccaroli - 0442 659043

POSTE
Corso C. B. Conte di Cavour 22 - 045 7850092
Via I Maggio 171 - 045 6050643
Via Corso 83 - 045 7875094

Il territorio

Dista 45 chilometri da Verona. Rispetto al capoluogo è in posizione sud est ed è il penultimo comune lungo il corso dell'Adige prima della provincia di Rovigo. Ha una superficie di 53,2 chilometri quadrati. Gran parte del territorio comunale è occupato dalle ampie Valli Grandi Veronesi, mentre gli insediamenti urbani di Villa Bartolomea, Spinimbecco e Carpi si sviluppano nelle vicinanze del fiume. La frazione di San Zeno in Valle, ormai in spopolamento, è situata al confine meridionale del comune, presso il fiume Tartaro e il Canale Emissario. Villa Bartolomea confina ad ovest con il comune di Legnago, a nord con Terrazzo, ad est con Castagnaro.
Gli abitanti sono detti villabartolomeesi. La popolazione residente è di 5.841 abitanti, la cui età media è 45,2 anni. Il santo patrono è san Bartolomeo, festeggiato il 24 agosto.

Il mercato settimanale è in corso Fraccaroli e in via Mutto ogni giovedì mattina. Gli eventi principali di Villa Bartolomea sono il concerto di Natale della prima domenica di gennaio, il "Carnevale Bortoloto" a metà quaresima, "Fiori in Villa" ad aprile, la sagra del fagiolo Gnocco Borlotto a luglio, la sagra dell'Assunta e di San Bartolomeo ad agosto.
I principali luoghi d'interesse artistico del territorio sono la Chiesa di San Bartolomeo (1850) con il suo campanile (1100), che conserva un dipinto di Palma il Giovane; la Chiesetta della Madonna della Salute (1920); il campanile di Carpi (1914); la villa "La Palazzina" (1400), in stile veneziano; Villa Viero-Panziera-Ghedini (1700); Villa San Bonifacio-Milone (1882), la biblioteca comunale Arnaldo Fraccaroli; il teatro Sociale; il Ponte Romano-Posa, primo ponte sull'Adige costruito dal dopoguerra ad oggi.
I prodotti enogastronomici più famosi del territorio sono il Fagiolo Borlotto, i vini Merlot e Grinto, la Graspia, il risotto col tastasal, quello col culatello, gli gnocchi col lardo, quelli con zucchero e cannella, i "paparoti", la minestra con pasta a listarelle fatta in casa, le carni lesse con la pearà e con il cren.