Loading

Roverchiara

STORICO ELEZIONI

 

ULTIME NOTIZIE

Roverchiara: affluenza in calo in cinque anni

È una tendenza presente in molti dei comuni del Veronese, quella del calo progressivo della partecipazione alle urne. Un fenomeno che emerge anche quando si vanno ad analizzare i...
By Redazione | 28 febbraio 2017 | Attualità, Roverchiara

CARTA D'IDENTITÀ

I NUMERI
Abitanti: 2.766
Altitudine: 20 m s.l.m. 
Superficie: 19,79 km2
Densità: 139,77 ab/km2
CAP: 37050
Frazioni: Roverchiaretta
LO STEMMA

Lo stemma comunale rappresenta una pianta di rovere radicata su prato verde di campagna.

ETIMOLOGIA DEL NOME

Il nome Roverchiara ha origine dalla deformazione del termine latino rubuclara, che significa “campagna piena di rovi”.

NUMERI UTILI:

COMUNE
Sede - via Vittorio Veneto 7 - 0442 689014
Segreteria del sindaco - 0442 689014

FORZE DELL'ORDINE
Carabinieri - via Guglielmo Marconi 41, Minerbe - 0442 640036

GUARDIA MEDICA
Via Pasubio, Legnago - 0442 622000

PARROCCHIE
Piazza Vittorio Emanuele 15 - San Zeno - 0442 74005
Piazza Guglielmo Marconi 19 - Madonna del Carmine - 0442 74039

SCUOLE
Dell’infanzia “Sacra Famiglia” - Via Giacomo Leopardi 16 - 0442 74383
Primaria - via Bogone 2 - 0442 74043
Secondaria di I grado - piazzetta Unità d’Italia 2 - 0442 74136

BIBLIOTECA
Civica “Lionello Fiumi” - Piazzetta Unità d’Italia 4 - 0442 689014

POSTE
Piazza Vittorio Emanuele 44 - 0442 74019

Il territorio

Roverchiara è situata alla destra del fiume Adige, che delimita il confine orientale del territorio comunale. Sempre dal punto di vista geografico, nella parte nord-est si trovano numerose cave e acquitrini che testimoniano la presenza di un'antica palude mentre, scendendo a sud-est, ci si imbatte nella frazione di Roverchiaretta. Il comune ha una superficie di circa 20 chilometri quadrati e conta circa 2.770 abitanti.

L'attività economica predominante a Roverchiara è quella agricola, attività del resto tipica in tutte le località collocate in queste zone. Sul territorio sono infatti presenti numerose aziende legate al settore primario moderne e tecnologicamente avanzate, che praticano un'agricoltura estremamente meccanizzata, favorita da terreni molto fertili e ricchi di corsi d'acqua. Qui vengono coltivati soprattutto mais, frumento, barbabietole e tabacco, ma anche frutta – mele e pere – e ortaggi. Sono inoltre presenti alcuni importanti allevamenti di bovini e suini.

Il territorio è ricco anche di appuntamenti, in programma nell’arco dell’anno, che permettono di esaltare i diversi aspetti culturali di Roverchiara. La sagra di San Zeno, ad esempio, in calendario la prima domenica di settembre, vede al centro dell'evento la famosa costata, considerata uno dei prodotti di eccellenza del territorio. Altri eventi di rilievo sono il Premio Fiumi, premio nazionale di poesia organizzato ogni ottobre in memoria del noto scrittore e traduttore Lionello Fiumi, e il mercato settimanale, ogni mercoledì mattina in piazza Vittorio Emanuele.

Da segnalare anche i gioielli architettonici della località, sia religiosi che laici: la Chiesa parrocchiale di San Zeno, di struttura antica e con un organo dei primi del Novecento; la Chiesa di Roverchiaretta, nota per la splendida statua lignea del Settecento dedicata alla Madonna del Carmine; l'Oratorio di Santa Maria delle Grazie, datato 1644, con decorazioni di importante valore artistico; l'Oratorio di Santa Teresa d'Avila al Casalino, di inizio Settecento; e le numerose ville, corti, case padronali e case coloniche sparse nel territorio, come Villa Guarienti-Brenzoni, Corte Sabbionara, Villa Guerra e Villa Pindemonte-Fiumi.