Loading

Pastrengo

STORICO ELEZIONI

Voto 2014

PASTRENGO, così nel 2014

Leggi di più


Voto 2006

PASTRENGO, così nel 2009

Leggi di più


Affluenza 2005-2015

Affluenza a Pastrengo

Leggi di più


ULTIME NOTIZIE

Testi sindaco di Pastrengo dopo l’addio di Varolo

Le dimissioni del sindaco Alberto Varolo hanno portato il Comune di Pastrengo ad elezioni anticipate, dopo due anni dalle precedenti consultazioni: nel 2016 si sono presentati in due candidati, con Giovanni...
By Massimiliano Maestrello | 7 febbraio 2017 | Attualità, Pastrengo

A Pastrengo l’affluenza sfiora il 90%

Nella storia delle consultazioni che si sono svolte nel comune di Pastrengo nel periodo compreso tra il 2005 e il 2015 ad emergere è soprattutto il dato positivo dell’affluenza...
By Redazione | 11 febbraio 2016 | Pastrengo

Pastrengo: Varolo lascia, si va al voto

Con le dimissioni dell’ormai ex sindaco Alberto Varolo, avvenute il 7 dicembre 2015, si è di fatto già aperta la campagna elettorale che porterà Pastrengo ad eleggere un nuovo...
By Redazione | 11 febbraio 2016 | Attualità, Pastrengo

Pastrengo, così nel 2014

È stata una vittoria di stretta misura, quella delle elezioni amministrative del 2014, che hanno visto l’allora candidato sindaco della lista civica “Valore famiglia”, Alberto Varolo, agguantare la fascia...
By Redazione | 10 febbraio 2016 | Pastrengo

Pastrengo, così nel 2009

Il 2009 è stato l’anno del grande cambiamento nel municipio di Pastrengo: dopo l’era di Giorgio Benamati, infatti, dalle amministrative è emerso il nuovo sindaco del Comune, Mario Rizzi,...
By Redazione | 7 febbraio 2016 | Pastrengo

CARTA D'IDENTITÀ

Pastrengo-Stemma
I NUMERI
Abitanti: 3.054
Altitudine: 192 m s.l.m.
Superficie: 8,96 km2
Densità: 340,84 ab/km2
CAP: 37010
Frazioni: Pastrengo, Piovezzano, Pol, Ronchi, Bionde, Tacconi
LO STEMMA

Lo stemma è d’oro. Tre cime verdi sostengono un pastore e due pecore. Ai lati una stella e due spade incrociate.

ETIMOLOGIA DEL NOME

È un derivato con il suffisso germanico -engo con riferimento ad una proprietà. Sconosciuto il nome di persona alla base della formazione.

NUMERI UTILI:

COMUNE
Sede - piazza Carlo Alberto 1 - 045 6778888

FORZE DELL'ORDINE
Carabinieri - via Rovereto 5 - 045 7170026

GUARDIA MEDICA
Via Ospedale 6 - Bussolengo - 045 6712606

FARMACIE
“Alla Madonna” - via Due Porte 3 - 045 7170016

PARROCCHIE
Esaltazione della Sacra Croce
Piazza Guglielmo 25 - 045 7170017

SCUOLE
Dell’infanzia “Carlo Alberto”
Via San Gaetano 6 - 045 7170186
Dell’infanzia “Sacra Famiglia”
Via Chiesa 12 - 045 7170189
Primaria e secondaria “Negri di Sanfront”
Via primo maggio 1 - 045 7170387

RIFIUTI
Ser.I.T. - loc. Montean 9 - Cavaion Veronese. - 045 6261131

BIBLIOTECA
Piazza Carlo Alberto 1 - 045 6770060

CASA DI RIPOSO
Pio ricovero “Dott. Paolo Segattini” - via Oliveti 4 - 045 6770189

POSTE
Via Generale Carlo Alberto dalla Chiesa - 045 6770180

Il territorio

Situato a pochi chilometri dal Lago di Garda, in una terra d'eccellenza per la produzione vitivinicola, Pastrengo è fortemente influenzato dalle caratteristiche del territorio sul quale si sviluppa. Pur essendo uno dei Comuni più piccoli della provincia di Verona, con una superficie di 8,96 chilometri quadrati, è sede di aziende e realtà importanti, che toccano i settori più rilevanti dell'economia scaligera. Forte di una popolazione di poco più di 3mila abitanti, Pastrengo porta un grande contributo all'intero territorio, grazie ad un ricco e vivo tessuto imprenditoriale caratteristico di questi luoghi.

Innanzi tutto il comune di Pastrengo può vantare una tradizione vitivinicola di tutto rispetto, con prodotti certificati dal marchio a Denominazione di origine controllata: qui, in particolare, vengono realizzati il Bardolino e il Custoza: vini conosciuti in tutto il mondo. Il primo deve la sua fama al suo bel colore rosso e al sapore asciutto, leggermente aromatico; il secondo, invece, noto anche come "vino delle dame", si distingue per il profumo fruttato.

Particolarmente attivo anche il settore turistico, data la vicinanza di Pastrengo con il lago di Garda, a soli pochi chilometri di distanza. Si tratta di una tappa strategica per tanti visitatori, italiani e stranieri, che cercano una base "intermedia" tra le belle località lacustri e il centro città di Verona. Ma non mancano anche i punti di interesse autoctoni: basti pensare ai vicini parchi naturalistici, dove ammirare gli animali e fare autosafari, alle bellezze architettoniche e ai monumenti, come quello, assai celebre, che ricorda la carica del 1848.

Non possono mancare anche ristoranti e alberghi, con menu tipici tutti da scoprire: protagonista  il luccio, preparato “in saor” o con la polenta, la selvaggina, le “paparele coi fegadini” e l'immancabile polenta. Un tradizione culinaria da far leccare i baffi a turisti e residenti.

Infine, non si può dimenticare il resto del tessuto imprenditoriale del territorio, con numerose realtà di qualità specializzate nella lavorazione dei marmi, nell'edilizia e nell'industria della carta.