Loading

Grezzana

STORICO ELEZIONI

Voto 2011

GREZZANA, così nel 2011

Leggi di più


Voto 2006

GREZZANA, così nel 2006

Leggi di più


Affluenza 2005-2015

L'affluenza a Grezzana

Leggi di più


 

ULTIME NOTIZIE

Sfida a due a Grezzana alle Amministrative del 2016

Alle Amministrative del 2016 la rosa di candidati per il comune di Grezzana si è dimezzata: da quattro a due “sfidanti”. Al termine delle votazioni il sindaco uscente Mauro...
By Redazione | 6 febbraio 2017 | Attualità, Grezzana

Fiorentini: “A Grezzana grande attenzione alle opere pubbliche”

Dopo una lunga esperienza nella sfera pubblica, Mauro Fiorentini è diventato sindaco di Grezzana alle amministrative del 2011, quando si è aggiudicato la fascia tricolore con la sua lista “Grezzana...
By Redazione | 29 marzo 2016 | Attualità, Grezzana

A Grezzana l’affluenza è al top

Elezioni politiche e comunali “campionesse” di affluenza a Grezzana: sono queste due competizioni elettorali, infatti, ad aver richiamato il maggior numero di aventi diritto alle urne nel periodo compreso...
By Redazione | 11 febbraio 2016 | Grezzana

Grezzana, così nel 2011

Un testa a testa, come ci si attendeva anche alla vigilia delle comunali, con i voti delle frazioni a fare la differenza sul risultato finale. Si può sintetizzare così...
By Redazione | 9 febbraio 2016 | Grezzana

Grezzana, così nel 2006

Le consultazioni amministrative del 2006 a Grezzana si sono contraddistinte per la grande partecipazione dei candidati: in quest’occasione, infatti, hanno concorso per la poltrona di sindaco ben cinque sfidanti....
By Redazione | 7 febbraio 2016 | Grezzana

CARTA D'IDENTITÀ

Stemma Grezzana
I NUMERI
Abitanti: 10.858
Altitudine: 169 m s.l.m.
Superficie: 49,49 km2
Densità: 219,4 ab/km2
CAP: 37023/0
Frazioni: Alcenago, Azzago, Corrubio, Corso, Lugo, Romagnano, Rosaro, Stallavena
LO STEMMA

Stemma diviso in quattro quadri: presente un cane rivoltato, una torre d’argento, una rosa rossa e una pecora d’argento.

ETIMOLOGIA DEL NOME

Deriva del nome latino di persona Graecius, con l’aggiunta del suffisso -anus che indica appartenenza.

NUMERI UTILI:

COMUNE
Sede - via Roma 1 - 045 8872511

FORZE DELL'ORDINE
Carabinieri - viale Industria 13 - 045 907039

GUARDIA MEDICA
c/o Ospedale di Marzana - p.le Lambranzi, Verona - 045 7614565

FARMACIE
“Dell’Assunta” - via Roma 43 - 045 908600

PARROCCHIE
Sante Maria ed Elisabetta - via Roma 74 - 045 907023
San Clemente - via Chiesa 6 - 045 907016
Sant’Apollinare Martire - via Crosara 1 - 045 8801022
Sant’Andrea - via Romagnano 2 - 045 907280
S. Barnaba Ap. - viale della Rimembranza 18 - 045980030
Santo Stefano Protomartire - via della Chiesa 8 - 045 907185

RIFIUTI
AMIA VERONA SPA - via B. Avesani 31, Verona - 045 8063311

BIBLIOTECA
Via Antonio Segni 2 - 045 8650169

CASA DI RIPOSO
Centro “Don M. Garonzi” - via P. C. Bertani 1 - 045 8650658

POSTE
Viale Europa 1 - 045 8658211
Via Udino Bombieri 3 - 045 8801898
Via Luigi Tubaldini 12 - 045 907695

Il territorio

Il territorio di Grezzana, che si trova a metà strada tra la Valpantena e la Lessinia, si estende prevalentemente in area collinare. Il paese ha una superficie di 49,49 chilometri quadrati, in parte compresi all'interno del Parco naturale regionale della Lessinia, mentre gli abitanti sono 10.858.

Con una evoluzione demografica in costante crescita dalla seconda metà del 1800 ad oggi, Grezzana ha saputo imporsi come uno dei distretti della lavorazione del marmo, nonché come una delle aree di produzione del vino Valpolicella Doc (denominazione Valpantena), dell'Amarone della Valpolicella e del Recioto: e sono infatti proprio queste le attività che fanno da traino all'economia locale.

Non mancano le particolarità storiche e architettoniche in un territorio di cui si hanno testimonianze già nel quarto secolo con la costruzione di vari oratori all'interno della sua area. In seguito, in epoca medievale, Grezzana fu inserita nel Capitolo di Verona, per passare poi sotto il controllo della Repubblica di Venezia. La popolazione subì anche gli effetti della peste del 1630, mentre nel 1866 il paese entrò a far parte del regno d'Italia come comune autonomo.

Tra i luoghi di interesse che meritano una visita c'è sicuramente Villa Arvedi, la più grande villa veneta presente sul territorio veronese, con un edificio barocco realizzato verso la metà del XVII secolo, anche se la struttura risale al XIII secolo. Al suo interno sono contenuti numerosi affreschi e opere d'arte. Per quanto riguarda l'architettura religiosa, spicca la chiesa di San Micheletto, databile tra l'Undicesimo e il Dodicesimo secolo, mentre notevoli sono anche le fortificazioni di Forte Santa Viola e il Rifugio Falasco, del XVII secolo, che si dice sia stato usato come “luogo protetto” dai briganti dell'epoca.

Da non perdere, infine, la grotta preistorica detta “Rifugio Tagliente” che presenta numerose testimonianze di frequentazioni di gruppi di uomini cacciatori-raccoglitori del periodo compreso tra il Paleolitico Medio e Superiore, cioè tra i 60mila e i 10mila anni fa.