Loading

Da un Anselmi all’altro a Badia Calavena

Da un Anselmi all’altro: così si potrebbe descrivere il risultato delle Amministrative di Badia Calavena del 2016Emanuele Anselmi della lista “Progetto Badia” ha infatti conquistato la fascia di tricolore contro il rivale Fazio Leone di “Un Leone per Badia Calavena”, raccogliendo così il testimone del primo cittadino precedente: Ermanno Anselmi.

Nonostante la sua giovane età (appartiene infatti alla classe 1987), Anselmi ha ottenuto l’85,25 per cento delle preferenze (1.162 voti) contro il suo avversario Leone, che ha raggiunto il 14,75 per cento (201 voti). Su 2.179 elettori, i votanti sono stati 1.476, pari al 67,74 per cento, mentre le schede bianche sono state 30 e quelle nulle 113.

Un cognome che fa da filo conduttore tra le diverse amministrazioni di Badia Calavena. Le Comunali del 2011 avevano infatti visto la riconferma di Ermanno Anselmi, portavoce della lista “Verso il Futuro”, che aveva ottenuto il 67,02 per cento delle preferenze, raccogliendo il favore di 1.126 elettori. Anche allora era stata una sfida a due: il rivale, Alessandro Anselmi, aveva raggiunto il 32,98 per cento delle preferenze, con l’appoggio di due partiti nazionali come Il Partito della Libertà e la Lega Nord. Ermanno Anselmi era già stato eletto sindaco nel 2006, ottenendo il 74,49 per cento delle preferenze.

Uno dei punti di forza del programma di Emanuele Anselmi è stata la volontà di concentrarsi sulle opere da terminare, quali la sala polifunzionale della frazione di San Valentino ed alcuni lavori  allora in corso d’opera. Grande attenzione anche al completamento dell’acquisizione delle aree demaniali per lo sviluppo e l’avvio del progetto sulla nuova area sportiva, ricreativa e socio -culturale e alla riqualificazione dell’area cimiteriale del capoluogo.

Autore