Loading

Verona 2017, legalità, quartieri e lavoro al centro del programma di Bertucco

Legalità e trasparenza, ma anche quartieri e urbanistica: sono questi, in sintesi, i punti del programma con cui il consigliere comunale Michele Bertucco si candida alla prossime Amministrative di Verona con la lista civica Verona Piazza Pulita, il nuovo gruppo consiliare nato ufficialmente a gennaio di quest’anno come scissione dal gruppo del Partito democratico.

Si sta infatti delineando sempre di più la sua proposta per i cittadini: dagli ultimi interventi pubblici emerge in particolare un’attenzione verso la dimensione “locale”, quella rappresentata dai rioni e dalle circoscrizioni. Non a caso nei giorni scorsi Bertucco ha presentato il progetto “Quartieri in Comune”, sottolineando come “negli ultimi anni a Verona [i quartieri] sono passati da un protagonismo passivo a un ruolo di protagonismo attivo, veri e propri incubatori di una visione innovativa della città”.

È così già iniziato un tour tra le diverse circoscrizioni, ai quali i cittadini sono invitati a partecipare portando le loro proposte per la Verona di domani, con i loro desideri per quanto riguarda i quartieri e le loro priorità. Bertucco ha inoltre già espresso la volontà di dotare ogni rione di una zona pedonale e di dare vita ad una rete ciclabile sicura.

Tra gli altri temi che stanno a cuore al consigliere comunale c’è anche la revisione urbanistica della città, cercando di dare una risposta al bisogno di abitazioni, e il lavoro, con l’obiettivo di favorire l’arrivo di aziende innovative nel territorio.

Michele Bertucco si ricandida così a sindaco dopo decenni di esperienza in politica: è stato infatti consigliere comunale nel Comune di Sona dal 1985 al 1995. Si è anche candidato nel 2012, sfidando il sindaco uscente Flavio Tosi, prendendo il 22,73 per cento di voti.

Autore