Loading

Sette in campo per Verona, ma si attendono il Pd, il centrodestra e l’ala Tosiana

Le prossime Amministrative di Verona si stanno avvicinando: si sta così definendo la situazione politica nella città in vista della tornata elettorale della primavera, con i primi nomi già scesi in campo: sono sette, ad oggi, i candidati alla fascia tricolore. Tuttavia si sta ancora aspettando di vedere come si muoveranno gli altri grandi schieramenti: il Partito democratico è in attesa delle Primarie, in programma per il 2 aprile; il centrodestra sta cercando la quadra; l’ala tosiana sta attendendo di sapere se il sindaco in carica Flavio Tosi potrà concorrere per il suo terzo mandato.

In pista per ora ci sono Michele Bertucco, per Sinistra Italiana, Rifondazione Comunista e altre civiche: tra le sue parole d’ordine ci sono la legalità, la trasparenza, la revisione della pianificazione urbanistica della città e il lavoro. Quest’ultimo punto è al centro anche del programma di Marco Giorlo, candidato per la lista “Tutto Cambia”, il quale ha affermato che il suo obiettivo è quello di trasformare Verona in un’agenzia di collocamento, per dare un’occupazione ai cittadini in difficoltà.

Michele Croce, per la lista Verona Pulita, si propone di istituire, come prima cosa, una commissione comunale antimafia e anticorruzione, mentre Filippo Grigolini del Popolo della Famiglia si presenta con un programma basato sul no alle teorie gender, sulla libertà educativa, sulla solidarietà e sul sostegno ai più deboli.

In pista c’è anche Alessandro Gennari del Movimento 5 Stelle, che punta sulla riqualificazione dei quartieri, su un piano del paesaggio e una spending review funzionale.

In campo, infine, c’è anche Roberto Bussinello per CasaPound, che vorrebbe istituire il mutuo sociale, abolire i cda delle aziende partecipate e dimezzare i compensi dei dirigenti, e William Dapiran, del Movimento sociale italiano-Destra nazionale (Msi-Dn). Quest’ultimo vorrebbe aprire un fondo comunale per un contributo ticket per il pronto soccorso dei minori e ridurre la tassa rifiuti per commercianti, bar e ristoranti.

Autore