Loading

Amministrative, si vota il 5 giugno

La data è stata ufficializzata: le elezioni amministrative, che vedranno coinvolti anche 24 Comuni della provincia veronese, si svolgeranno il 5 giugno, mentre il giorno scelto per un eventuale ballottaggio è il 19 dello stesso mese.

Secondo le stime, sul territorio scaligero saranno circa 113mila gli elettori chiamati ad esprimere la loro preferenza, suddivisi nei Comuni interessati al rinnovo del consiglio comunale: nello specifico, sono gli aventi dirito di Affi, Arcole, Badia Calavena, Belfiore, Bevilacqua, Bonavigo, Bovolone, Buttapietra, Casatgnaro, Cerro Veronese, Cologna Veneta, Colognola ai Colli, Garda, Grezzana, Isola della Scala, Isola Rizza, Minerbe, Nogara, Pastrengo, Povegliano Veronese, Roverè Veronese, San Giovanni Lupatoto, San Pietro di Morubio e Tregnago.

Solo due tra questi 24 Comuni potrebbero essere interessati dal ballottaggio, poiché superano i 15mila abitanti, soglia che prevede questa opzione: sono San Giovanni Lupatoto (con un totale di 18.625 elettori) e, per la prima volta, anche Bovolone, dove gli elettori chiamati ad esprimere il loro voto per nominare il nuovo sindaco sono 11.678. I comuni con meno elettori chiamati alle urne sono invece Bevilacqua (1.316), Roverè Veronese (1.505) e Cerro Veronese (1.806).

Come da consuetudine, i candidati hanno tempo fino al ventinovesimo giorno precedente la data delle elezioni per presentare le liste: significa cioè che il panorama delle forze che scenderanno in campo a contendersi la guida dei Comuni sarà definitivo tra il 6 e il 7 maggio.

Oltre che nel Veronese, questa nuova tornata elettorale è particolarmente importante anche a livello nazionale: da Nord a Sud dello Stivale sono 1370 i Comuni chiamati alle urne. Tra questi, si segnalano sette capoluoghi di regione: Bologna, Cagliari, Milano, Napoli, Roma, Torino e Trieste. Soprattutto per le città di Lazio e Lombardia l’attesa è molto alta, e c’è chi vede il prossimo appuntamento elettorale come un importante banco di prova per il governo. Da ricordare che nelle amministrative del 2016, i seggi saranno aperti anche in 26 capoluoghi di provincia.

In Trentino Alto Adige, invece, le elezioni sono state fissate per l’8 maggio, con il ballottaggio previsto per il 22 maggio.

Infine, qualche curiosità: tra i Comuni interessati al voto a livello nazionale ce ne sono anche 17 sorti nell’ultimo periodo attraverso la fusione degli enti locali. Il comune più piccolo chiamato al voto sarà invece Morterone, in provincia di Lecco, che conta solamente 38 abitanti.

Autore